Utilizzo dei crediti d’imposta per le società di persone

In linea generale le agevolazioni alle imprese concesse sotto forma di credito d’imposta, possono essere trasferite ai soci delle società di persone, mediante attribuzione agli stessi del credito non utilizzato dalla società.

tale possibilità è diretta conseguenza del principio di tassazione per trasparenza delle predette società, ai sensi dell’articolo 5 del testo unico delle imposte sui redditi (TUIR), approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 Dicembre 1986, n. 917. Il reddito di partecipazione imputato ai soci, infatti, ha la stessa natura – di reddito d’impresa – di quello conseguito dal soggetto partecipato e ne rappresenta la mera ripartizione.

Le società, quindi, indica in dichiarazione il credito maturato e quello già utilizzato entro il termine di presentazione della dichiarazione stessa , utilizzando il residuo direttamente in compensazione con le imposte e i contributi da esse dovuti, oppure attribuendo, in tutto o in parte, ai soci in proporzione alle quote di partecipazione agli utili.

Questa conclusione ricalca quanto previsto dal TUIR per l’attribuzione ai soci delle ritenute d’acconto subite dalla società (articolo 22, comma 1) o dei crediti d’imposta per le imposte pagate all’estero ( articolo 165, comma 9).

In linea di principio, le agevolazioni concesse alle imprese in forma di crediti d’imposta, nel caso si tratti di società di persone, possono essere trasferite ai soci alle seguenti condizioni:

– si deve trattare di crediti d’imposta per i quali è previsto il riporto, al periodo d’imposta successivo, dell’eccedenza tra credito maturato ed utilizzato nel periodo oggetto di dichiarazione;

– la società di persone deve indicare in dichiarazione dei redditi, nel quadro RU del Modello Redditi SP 2019, il credito d’imposta maturato, quello utilizzato direttamente e quello attribuito ai soci;

– le modalità di utilizzo del credito d’imposta stabilite dalla legge devono essere compatibili con l’attribuzione del credito ai soci come nel caso in cui è previsto l’utilizzo del credito direttamente in dichiarazione dei redditi per compensare le imposte dovute, ovvero l’utilizzo in comprensione ai sensi del Dlgs 241/1997;

– se la norma agevolativa prevede un limite temporale di utilizzo del credito, tale limite temporale continua a valere anche per l’utilizzo del credito attribuito al socio (in tal caso, tra i dati richiesti nei modelli di dichiarazione c’è anche dell’anno di insorgenza del credito in capo alla società).

L’eventuale recupero del credito d’imposta a qualsiasi titolo non spettante viene comunque effettuato, ai sensi dell’articolo 40, comma 2. Dpr 600/73 a carico della società anche nel caso in cui lo stesso sia stato attribuito ai soci in tutto o in parte.